Romance · Senza categoria · Series · Standalone

Recensione “Il duca di Manhattan”

Titolo: Il duca di Manhattan

Autore; Louise Bay

CE: Always publishing

Prezzo: 13.90 € cartaceo, 4.99 € ebook

Pagine : 277

Trama : Ryder WesIbury proviene da una famiglia dell’alta aristocrazia britannica, ma il suo vero regno è sempre stato stanzialo a New York. Squalo della finanza e scapolo impenitente, Ryder non è mai stato particolarmente interessato al titolo di famiglia, al quale non potrà succedere se non prenderà moglie. Questo fino a quando non scopre che potrebbe perdere anche la sua azienda, il suo magnifico impero, se non diventa lui il prossimo Duca di Fairfax. Per un uomo d’affari come lui la soluzione al problema è ovvia: assoldare una moglie per finta. E la candidata è proprio sotto il suo naso, nei panni di Scarlett King. Anche lei a capo di una compagnia, è in cerca di un investitore per uscire da una crisi fatale. Non le mancherà certo il fiuto per capire che è un accordo irripetibile: un “matrimonio d’affari”. Dopo il divorzio Scarlett King ha rivoluzionato completamente la sua vita. Ha fondato la Cecily Fragrance e ora, per lei, è il momento di ritornare in carreggiata anche con gli uomini. Quando si lancia nell’avventura di una notte con un estraneo dall’irresistibile fascino britannico, non immagina che tornerà a incontrare lo stesso uomo la mattina seguente, all’altro capo di una sala riunioni. È Ryder Westbury: l’investitore che ha il potere di affondare o salvare le sorti della compagnia. La fortuna di Scarlett è che Westbury ha effettivamente una proposta per lei… una proposta di matrimonio! Da New York a Londra, il futuro Duca e Scarlett costruiscono il loro finto matrimonio alla perfezione, ma il vero pericolo sarà rendersi conto di quanto sia facile per i loro cuori lasciarsi ingannare da questa bugia.

Recensione

Buongiorno Lovers, oggi vi faro compagnia con una recensione in collaborazione con la casa editrice Always Publishing, che come sempre ringrazio per il libro in omaggio e per la possibilità.

Louise Bay è sbarcata in Italia grazie alle pubblicazioni delle Always Publishing, che ci hanno regalato la possibilità di conoscere la meravigliosa penna della Bay, con la The Royals Series che comprende al momento tre titoli meravigliosi: Il re di Wall Street; Il principe di Park Avenue e infine l’ultimo ,uscito il 5 maggio, Il duca di Manhattan.

“Il duca di Manhattan” presenta una trama che difficilmente non attrae come lettura, affascinata sia dal titolo che dal contenuto non potevo dire di no, anche se ammetto che avevo alcuni dubi sul leggere il libro, non perché non fa per me o perché come trama non incuriosiva, ma perché non avendo i primi due, anche se li ho letti, in cartaceo, non volevo trovarmi come al mio solito con il terzo volume di una serie tra le mani.

Ma devo dire che ho preso la decisone giusta e mi sono goduta una giornata di puro relax e divertimento in compagnia di Ryder e Scarlett, e già dei nomi mi hanno conquistato.

Ryder è uno uomo d’affari, lui non lavora per fare soldi, ma lavora per il brivido che sente ogni volta che porta al termine un acquisizione. E bello, ricco, affascinante e con le donne ci sa fare, non è il tipico maschio alpha che ama pavoneggiarsi, ama semplicemente la vita da single e tutti i benefici che questa porta. Ryder sarebbe anche il futuro duca di Farfaix, un titolo che erediterebbe una volta alla morte dell’attuale duca, suo nonno, ma per avere tutta l’eredita dovrebbe avere una moglie , essere sposato, una condizione che lui non prende minimamente in considerazione, ama troppo le donne.

Ma dopo il secondo incidente di suo nonno, che porta alla fratturazione di un anca e dopo aver scoperto che potrebbe perdere il suo impero per una clausola nei prestiti fatti da suo nonno, prende seriamente in considerazione l’idea di trovarsi una moglie, una finta moglie. E la soluzione sembra trovarsi proprio sotto i suoi occhi.

Scarlett King, dopo un divorzio doloroso ha dovuto reinventare la sua vita, e per farlo si e imbarcata in un nuovo lavoro insieme alla sua migliore amica Cecily, fondando un impresa di profumi che sta acquistando sempre più maggiore visibilità, anche se sono sommerse dai debiti, una soluzione c’è ma non soddisfa a pieno i desideri di Scarlett e Cecily che vorrebbero avere il pieno controllo della società.

Dopo una giornata impegnativa di lavoro, si concede un uscita al bar con sua sorella che la spinge a buttarsi tra le braccia di uno sconosciuto, con il semplice scopo di passare una notte di pura passione, ma non può immaginare che l’uomo con cui si è concessa una notte di pura follia sia lo stesso uomo che può salvare o affondare la sua azienda.

Possono due persone che amano il loro lavoro trovare l’amore con un matrimonio d’affari ?

Dopo quella spaventosa nonché eccitante sorpresa da parte di entrambi, Ryder trova la soluzione a tutti i loro problemi, e la proposta che Scarlett voleva sentire e leggermente diversa, infatti una proposta c’é ma di matrimonio.

L’incontro tra i due protagonisti e stato uno degli incontri visti e rivisti in altre mille storie d’amore, ma e sempre bello quando qualcosa di inaspettato e di imprevedibile si trasforma in qualcosa di cui non sapevi di avere bisogno.

Ryder e Scarlett si imbarcano in questa avventura un po’ timorosi, ma con il tempo si renderanno conto che provano dei sentimenti veri e profondi l’uno per l’altra e la cosa spaventerà Scareltt, che e già stata ferita in passato e non se la sente di mettere di nuovo in gioco il suo cuore, mentre Ryder abbraccerà questa nuova vita che non credeva di desiderare.

“Il duca di Manhattan ” è il terzo romanzo della serie e devo dire che non sono rimasta per niente delusa, anzi mi sono divertita molto a leggere di loro due, della loro complicità e chimica che assorbe il lettore subito, sin dalle prime pagine .

Ryder e Scarlett insieme fanno scintille, sin dalla prima notte passata insieme è sarà sulla scia di quella notte che entrambi porteranno avanti la finta relazione, ma non avrà niente di finto, infatti sin da subito loro si comportano come se la loro relazione durasse da anni. L’unica notta negativa che ho trovato e il piangersi addosso di Scarlett sulla sua ex relazione con il marito, la sua paura di abbandono e di lasciarsi andare.

Io capisco che non vuoi ritrovarti con il cuore a pezzi, di nuovo, ma questo non vuol dire che automaticamente ogni relazione che viene dopo quella avuta con tuo marito sia uguale, le relazioni non sono mai uguali, cosi come i sentimenti e le persone.

Una delle mia parti preferite in assoluto e lo struggimento di Ryder e il suo mal d’amore, per una volta ci viene fatto vedere un uomo che soffre per amore e che non se ne vergogna.

“Il duca di Manhattan” è un romanzo che va letto tutto d’un fiato, con dei personaggi frizzanti, divertenti, mai noiosi e sempre molto coerenti a se stessi. Ryder e Scarlett sapranno come farvi divertire e non mancheranno le scene passionali che non saranno mai volgari, ma ben bilanciate e in linea con i personaggi. Mi dispiace solo per la mancanza di dramma, mi sarebbe piaciuto vedere come il personaggio di Fredrick avrebbe messo i bastoni tra le ruote ai nostri protagonisti, ma purtroppo non e stata vagliata questa possibilità. Mentre il finale è un salto nel futuro per farci vedere come tutti i nostri personaggi godono del loro lieto fine.

Classificazione: 4 su 5.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...