Drammatico · Fantasy · Romance

Recensione “Ancora una volta con te”

Titolo: Ancora una volta con te

Autore. Dustin Thao

CE: Newton compton editori

Prezzo: 9.90 € cartaceo flessibile, 5-99 € ebook

Pagine: 320

Trama: Julie ha solo diciassette anni ma ha già tutto chiaro in testa: lascerà la piccola città in cui è cresciuta insieme a Sam, il suo ragazzo. Il college li aspetta e, insieme, stanno già pianificando un’estate magica in Giappone. Ma poi Sam muore. E tutto cambia. Il dolore arriva con una potenza distruttiva e Julie fa del suo meglio per arginare le profonde ferite del cuore nell’unico modo che conosce: fuggire via. Non partecipa al funerale, butta via le cose che le parlano di Sam. Fa di tutto per dimenticare. Ma quando le capita sotto gli occhi un messaggio che lui le aveva scritto, i ricordi tornano a galla. E la mancanza di Sam le toglie il fiato. Sperando di poter ascoltare la sua voce almeno nella registrazione della segreteria telefonica, compone il numero del suo cellulare. E Sam… risponde al telefono. Adesso che il destino le ha dato una seconda occasione per dirgli addio, Julie si rende conto che non può più fare a meno della sua voce. E a ogni chiamata è sempre più difficile lasciarlo andare. È così sbagliato ostinarsi a tenere vivo un amore impossibile?

Recensione

Buongiorno Lovers, oggi torno con una recensione in collaborazione con la Newton Compton Editori, che ringrazio infinitamente per l’invio del libro in omaggio e per l’opportunità.

Pubblicato per la Newton Compton Editori il 7 aprile ” Ancora una volta con te ” di Dustin Thao è un young adult che affronta il dolore e la perdita di una persona amata.

La nostra protagonista Jules e con lei che devo affrontare la perdita del suo ragazzo Sam, venuto a mancare per un incidente in macchina mentre andava a prenderla dalla stazione dei pullman.

Il libro diventato un fenomeno su tiktok ha fatto emozionare e commuovere molti lettori e ne ha lasciati delusi altri per molti motivi. Io personalmente credo di trovarmi in una via di mezzo tra un lettore emozionato e deluso.

Avevo molte aspettative sul suo conto, considerando la trama, ma la verità è che oltre ad affrontare il dolore e la perdita non c’è altro, manca di romanticismo, manca di spessore e la trama e troppo lineare, le situazioni sono sempre le stesse e non cambia mai niente. La protagonista che inizialmente per affrontare il suo dolore getta via tutto, ogni oggetto, ogni cosa e ogni ricordo che aveva di Sam, ed io sinceramente ho trovato la cosa un po’ esagerata e molto egoista da parte sua.

Capisco che ognuno affronta il dolore diversamente è attraverso molti stadi, ma rinegare ogni cosa di lui e come rinegare la sua esistenza, e sinceramente mi sembra sbagliato, anche perché è attraverso i nostri ricordi che continuano a vivere le persone che amiamo e che non ci sono più.

Più leggevo e più mi rendevo conto che non mi emozionavo come succede di solito, e vi dico che riesco ad emozionarmi con ogni cosa che sia una dichiarazione d’amore sotto le stelle o un discorso motivazionale. La verità e che mi sono commossa attraverso alcune frasi mentre altre mi hanno lasciata solo confusa , che bisogno c’era di introdurre l’argomento se poi non viene approfondito ? Ecco li sono rimasta un po’ confusa perché io al posto suo avrei voluto sapere il significato di quella frase, anche se lui non c’era più.

Inizialmente come lettura mi ha preso, l’ho divorato in un solo giorno, mi sono affezionata anche un po’ ai personaggi ma mi aspettavo molto di più, volevo essere investita dai sentimenti come un un treno in corso, volevo provare i brividi sulla pelle e le lacrime sulla mie guancia ma non e successo e va bene cosi, non tutti i libri servono a farci piangere.

“Ancora una volta con te ” non è solo un romanzo dove Jules deve affrontare il suo dolore, ma è un romanzo dove Sam deve venire a patti con la sua nuova esistenza, entrambi devono trovare la forza per andare avanti anche quando fra male.

Forse non è stato il romanzo strappa lacrime che avrei voluto leggere, forse tutta la sua storie si svolge in modo impersonale, ma e stata una lettura piacevole, commovente un po’ deludente ma non è tutto da buttare via. L’idea di base era molto originale ma sviluppata in modo frettoloso e un po’ confusionario, specialmente nei salti tra passato e presente.

Classificazione: 3 su 5.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...