Dark romance · Music romance · Standalone · Suspense

Recensione “Jersey Six”

Jersey Six. La miglior vendetta è l'amore (Always Romance) di [Jewel E. Ann, Lorena Marrocco]

Titolo: Jersey Six- la miglior vendetta è l’amore

Autore: Jewel E Ann

CE: Always publishing

Prezzo: 13.90 cartaceo, 4.99 ebook

Pagine: 320

Trama: Un’orfana senzatetto in cerca di vendetta. Una rockstar tormentata in cerca di redenzione. Jersey Six ha vissuto un’infanzia difficile. Abbandonata da bambina davanti a una stazione dei vigili del fuoco, senza nemmeno un nome, ha passato la vita saltando da una famiglia affidataria all’altra, vittima di abusi e violenze inimmaginabili. Finché, a quindici anni, Jersey viene adottata da Dena e Charles Russell e conosce per la prima volta la felicità, nella casa di due genitori che la amano davvero. Ma, proprio nel momento in cui sembra che il destino di Jersey sia finalmente cambiato, la coppia viene uccisa da un pirata della strada. Rimasta senza un tetto, e nuovamente senza nessuno su cui contare, la giovane orfana si ritrova a dover sopravvivere per le strade di Newmark, New Jersey. Otto anni dopo, nella vita di stenti di Jersey Six piomba un uomo affetto da amnesia e ricoperto di ustioni, che sembra conoscere il responsabile che si nasconde dietro l’incidente dei Russell. Quell’incontro scatenerà in lei una tale sete di vendetta da spingerla a escogitare un piano per distruggere il presunto colpevole: Ian Cooper, una delle rockstar più famose al mondo. Complice un nuovo capriccio del destino, Jersey riesce per davvero a insinuarsi nella scintillante vita di Ian, solo per finire impigliata in una rete di manipolazione e bugie. La star del rock si rivela non essere la persona che lei si aspettava, e l’inspiegabile attrazione che prova nei confronti dell’uomo non è per niente facile da gestire. Per riuscire a scoprire la verità, e raggiungere il suo proposito di vendetta spietata, Jersey rischia di finire tradita e distrutta dall’amore e dal passato stesso. Fino a che punto sarà disposta a spingersi?

Recensione

Buongiorno Lovers, oggi come da tradizione torno con una recensione per una collaborazione con la casa editrice Always publishing, che ringrazio per l’invio del libro in omaggio e per aver portato in Italia una storia che anche se tratta di argomenti difficili e duri da digerire, e piena di amore.

Quando ho iniziato a leggere “Jersey Six “,nel primi momenti, quelli che ti introducono alla storia ho subito pensato ” non credo che sia il libro adatto a me”, pensiero scaturito soprattutto dalla protagonista e dal suo carattere discutibile, ma una volta superato questo primo momento di incertezza da parte mia, mi si è aperto un mondo.

Perché e proprio di questo che stiamo parlando, di un mondo, il mondo di Jersey fatto rabbia, dolore, abusi, forza e desiderio di vendetta, vendetta per la piccola Jersey, vendetta per la vita che avrebbe dovuto avere è per le uniche persone che l’abbiano mai amata.

La storia di Jersey è unica e particolare, piena di ombre, bugie, inganni e misteri, che vanno ad alimentare la sete di vendetta che score nelle vene della nostra protagonista.

Jersey e una ragazza di 24 anni, la cui vita non e mai stata facile, sin dalla nascita la vita con lei si è accanita, la distrutta e spezzata per renderla ogni volta un po’ più forte, più combattiva, piu coraggiosa e vendicativa.

Jersey non ha mai conosciuto l’amore nella sua forma più pura e dolce, ma ha sempre conosciuto il dolore, la perdita, il peggio del peggio, capendo che per sopravvivere in un mondo pieno di mostri, l’unica su cui poter far affidamento è di cui fidarsi e se stessa.

Una sola volta ci è andata vicino a provare quell’amore di cui tutti parlano, ma per un tragico incidente la sua vita è stata di nuovo fatta a pezzi, messa alla porta da un destino crudele.

Ma il destino ha altri piani per Jersey, infatti dopo anni da quel tragico incidente, sulla strada si Jersey compare Chris, un uomo gravemente ustionato, con una perdita di memoria e un passato inesistente, che si insinua nella nella sua vita scatenando una serie di ricordi sul passato di entrambi, portando alla luce alcuni indizi sulla tragica fine della sua famiglia. Indizi che portano Jersey a dare un volto al colpevole, e sembra che il colpevole sia Ian Cooper, famosa rockstar del momento che offre a Jersey il mondo.

Di Ian non si sa molto, la sua vita sembra essere avvolta nel mistero, l’unico che conosce il suo passato e Ian stesso, la sua band, i collaboratori e troupe non sanno niente sul vero Ian, tranne che è una brava persona e un talentuoso cantante.

Jersey vuole scoprire la verità, è davvero Ian il colpevole ? Guidata dalla sette di vendetta e dalla determinazione inizia a scavare nel passato di Ian è per farlo dovrà insinuarsi sotto ogni aspetto della sua vita, distruggerlo dall’interno per poi straparli il cuore dal petto in nome della giustizia.

“Jersey six- la miglior vendetta è l’amore ” è una lettura da ruolette russa, non sai mai come ti farà sentire, quali saranno i tuoi sentimenti nel confronti dei personaggi e della situazione di turno. La sua lettura e particolare, per certi versi mette il lettore davanti alla cruda e dura verità della vita, non addolcisce la pillola in certe situazioni, ma colpisce come una lama tagliente a doppio taglio. I personaggi a noi presentati sono imperfetti, ombrosi e “orribili” perché la vita gli ha resi cosi, insensibili e vendicativi.

Jersey e un personaggio che o si ama o si odia, il suo carattere è frutto della sua esperienza nella vita che ha avuto, e incapace di amare e di perdonare, si vede sin da subito che è una persona forte, dura come una corazza, ma allo stesso tempo sotto quella sua corazza e ancora la ragazzina fragile s spaventata che da piccola sognava in una vita migliore.

Il personaggio di Chris invece mi ha fatto provare pena per lui, anche se le sue azioni sono state il frutto della sofferenza di Jersey, trovo che anche lui abbia sofferto abbastanza, essere privati della propria memoria e come essere privati della tua identità, dignità e propria vita tutte insieme. Non giustifico le sue scelte, ma per me e impossibile non provare anche un po’ di compassione.

Mentre credo che il mio personaggio preferito in assoluto sia quello di Ian, l’ho trovo di una dolcezza infinita, paziente e desideroso di amare qualcuno, nonostante le sue sofferenze e il suo passato. Io non so come avrei reagito a tutto quello che Jersey gli ha fatto, Ian si è dimostrato una persona che non si è fatta abbattere dalla vita e da quello che lei ne ha riservato.

“Jersey six” è una lettura che non può piacere a tutti, se vi aspettate una lettura de fiori rosa e uccellini parlanti allora non fa per voi, perché la lettura di Jersey è dolorosa, sofferta, ansiosa e da cuore a mille. La scrittura risulta essere fluida e scorrevole, i pov sono alternati e mischiati in terza persona, nel senso che in un solo capitolo si possono trovare i pensieri di uno e più personaggi. Anche se può risultare confusionario all’inizio, una volta iniziato a leggerlo si capisce benissimo il punto di vista di ogni personaggio e posso assicurarvi che si fatica a posare il libro per quanto tiene incollato il lettore alla sue pagine.

Classificazione: 4.5 su 5.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...