Narrativa per ragazzi

Recensione ” Non siamo eroi”

Titolo: Non siamo eroi

Autore: Sara Segatin

CE: Fabbri editori

Prezzo: 14.90 cartaceo, 7.99 ebook

Pagine: 164

Trama: “Il rumore. Lo avrei ricordato sempre. Il rumore di una foresta che sparisce nel fango. Non c’era niente da capire. Semplicemente, il bosco non esisteva più.” Alice ha diciannove anni, è cresciuta in un paesino di montagna, immersa nella natura. Ma cosa succede quando la natura si scatena in modo imprevedibile e inatteso? Per Alice è un terremoto che la spinge a rimettere in discussione tutto il suo mondo, anche se stessa. Tornata all’università, si scontra con le proprie insicurezze, ma allo stesso tempo scopre in sé una passione ancora sconosciuta – quella per l’ambiente e per l’impegno civile – e si lascia sorprendere dall’amicizia vera, e dall’amore. Con lei, sono protagonisti i paesaggi affascinanti del nostro Paese, da proteggere e di cui andare fieri, dalle Alpi alle grotte del Carso, in una storia emozionante di coraggio, forza, legami e sogni che ci ricorda cosa ci rende davvero vivi: lottare per una buona causa.

Recensione

Buongiorno Lovers, oggi parleremo di natura, del nostro pianeta attraverso un libro in collaborazione con la Fabbri editori che ringrazio per l’invio della copia omaggio.

“L’iceberg più pericoloso e la nostra indifferenza”

“Non siamo eroi ” è un romanzo che serve a farci capire che la nostra terra e madre natura sono importanti ,esattamente come l’esplorazione delle spazio, i diritti umani, la lotta contro il razzismo e l’omofobia. Ammettiamolo che se non fosse per madre natura noi non saremmo qui, non esisteremo neanche e non è improbabile che nel futuro la razza umana sparisca. Basta guardare quello che succede nel mondo, le foreste bruciano e se bruciano loro ,bruciano i nostri polmoni, gli oceani sono tropo caldi, i ghiacciai si sciolgono, gli orsi polari e i pinguini stanno morendo per colpa della pesca industriale, i rinoceronti sono a rischio di estinzione e non solo loro.

Il romanzo affronta temi importanti come le condizioni climatiche e il futuro del nostro pianeta, la parte che più mi colpisce è proprio l’inizio della storia quando entra in scena la nostra protagonista che dopo una notte di tempesta passata insieme ai suoi amici in una casa in montagna, si risveglia al mattino curiosa di sapere cosa erano quei forti rumori che ha sentito durante la notte. La scena che si presenta subito dopo lascia il lettore senza fiato, stordito e con mille pensieri per la testa. Si scopre che in una sola notte un’intera foresta e scomparsa, gli alberi fatti a pezzi come dei stuzzicadenti, ed è una scena forte, io sinceramente ci sono rimasta male, ho immaginato quella stessa scena nella mia mente e non è stata affatto una cosa bella, perché mi ha lasciato dentro una sensazione di paura e tristezza.

Dopo questo primo impatto sia il lettore che la protagonista rimangono un po’ storditi, come anestetizzati dagli avvenimenti accaduti, avvenimenti che spingono la protagonista un po’ per caso un po’ per curiosità e per compagnia ad unirsi a un movimento attivista per l’ambiente, il Fridays for future. All’inizio Alice non sa che pesci prendere, non essendo esperta in materia, ma più passano i giorni più Alice si appassiona alla causa, prende a cuore il bene del pianeta e vediamo come inizia ad affrontare le situazioni legate alla causa.

Allora ,io personalmente ho amato leggere “Non siamo eroi” è ammetto che non sono molto aggiornata sull’attivismo ambientale , sul mondo che c’è dietro al salviamo il pianeta, ma devo dire che in certe situazioni e in certe scene ho storto il naso. Come l’improvviso cambio di alimentazione della protagonista che passa al vegetarianismo senza un’argomentazione valida, o quando si arrabbia per una domanda.

Penso che l’obiettivo dell’autrice oltre a farci avvicinare al bene del nostro pianeta , è anche quello di farci capire quali siano i mezzi giusti per farci sentire da chi detiene il potere per cambiare le cose, ci fa capire che non serve essere violenti per far sentire la nostra voce, ma essere coraggiosi per portare avanti una causa che ci sta al cuore.

“Non siamo eroi ” ci fa vedere due facce della stessa moneta, una che porta a farsi sentire nel modo giusto e l’altra a far vedere che a volte le cose possono sfuggire di mano come succede alla nostra protagonista, che parte in quarta per poi rendesi conto che deve trovare una via di mezzo, un equilibrio tra le due parti.

“Non siamo eroi ” è una lettura che personalmente io ho amato, mi sono un po’ ritrovata nella protagonista, la storia e originale, fresca, scorrevole ed educativa, una lettura che serva per far avvicinare i più giovani alla natura, ad amare il pianeta, a far capire l’importanza dell’ambiente che ci circonda, ma soprattutto il rispetto che noi dovremmo avere nel confronto del nostro pianeta.

Classificazione: 5 su 5.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...