Fantasy · Fantasy storico · Senza categoria · Standalone · Young adult

Review Party : La vita invisibile di Addie LaRue

Titolo: La vita invisibile di Addie LaRue

Autore: V.E. Schwab

CE: Mondadori Oscar Fantastica

Prezzo: 24.00 cartaceo, 10.99 ebook

Pagine: 492

Trama: “Non pregare mai gli dei che sono in ascolto dopo il tramonto.”. E se potessi vivere per sempre, ma della tua vita non rimanesse traccia perché nessuna delle persone che incontri può ricordarsi di te? Nel 1714, Adeline LaRue incontra uno sconosciuto e commette un terribile errore: sceglie l’immortalità senza rendersi conto che si sta condannando alla solitudine eterna. Tre secoli di storia, di storie, di amore, di arte, di guerra, di dolore, della solennità dei grandi momenti e della magia di quelli piccoli. Tre secoli per scegliere, anno dopo anno, di tenersi stretta la propria anima. Fino a quando, in una piccola libreria, Addie trova qualcuno che ricorda il suo nome. Nella tradizione di “Vita dopo vita” e “La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo”, “La vita invisibile di Addie LaRue” si candida a divenire una pietra miliare nel genere del “romanzo faustiano”.

Recensione

Buongiorno Lovers, oggi torno con un altro RP per un libro che tutti hanno elogiato come incredibile, meraviglioso, il libro migliore dell’anno, un libro che mi ha cambiato la vita, ma se devo essere sincera con voi e con me stessa posso dirvi che di libri belli la fuori c’e ne stanno ma “La vita invisibile di Addie LaRue ” non è tra questi. Non capitemi male perché i gusti sono gusti e la fuori ci sono sicuramente persone che hanno amato questo libro, ma partiamo dall’inizio. Voglio ringraziare l’organizzatrice dell’evento e la Casa Editrice per il file in omaggio e per questa meravigliosa opportunità.

“La vita invisibile di Addie LaRue” è un libro attraverso i secoli, perché la nostra protagonista Addie è nata alla fine del 1600 in un paesino Villon-sur-Sarthe, in Francia dove è cresciuta tra giornate tutte uguali , uscite al mercato con il padre e la compagnia di Estele , una signora anziana che prende in simpatia la nostra protagonista. Crescendo Addie si rende conto la vita che conduce non la soddisfa abbastanza, lei non vuole morire in pochi metri quadrati di terra, non vuole sposarsi e non vuole avere dei figli come la sua amica Isabelle, Addie sogna di visitare le grandi città, di disegnare,di essere libera e indipendente, ma il destino ha altro in serbo per lei. Infatti Addie sta per coronare il suo incubo più grande quello di sposarsi con una persona che non ama e di crescere i figli del suo nuovo marito, ma Addie è terrorizzata è testarda cosi scappa nella foresta a pregare gli antichi Dei della vecchia Estele, non è la prima volta che Addie prega gli Dei, solo che sta volta presa dal panico prega anche dopo il tramonto e tutti sanno che non si deve mai pregare gli Dei che sono in ascolto dopo il tramonto. Questi Dei che Addie e la vecchia Estele pregano sono pericolosi, sono in cerca di regali e di elogi , e tra di loro c’e anche la notte in persona ,L’Oscuro ,che non è in cerca di regali, no, lui è in cerca di anime e Addie è cosi disperata che vende la sua per l’eternità,per l’immortalità e la libertà, per la sua voglia di vivere e di vedere il mondo ,ma l’Oscuro è furbo e il desiderio di Addie si avvera rendendola libera e invisibile al mondo intero ed è cosi che inizia la nuova vita di Addie invisibile, lunga e silenziosa senza lasciare tracia di se stessa al mondo che la circonda.

“La vita invisibile di Addie LaRue” come ho detto al inizio è un libro che può piacere oppure no ,a me sinceramente non ha fatto impazzire da strapparmi i capelli,ma è stata una lettura piacevole, scorrevole e soprattutto lineare perché Addie ripete e fa sempre le stesse cose ed è una condizione che deriva dal suo essere invisibile al mondo. Questo libro è un libro attraverso i secoli perché iniziamo questa avventura insieme alla nostra protagonista nel 1698 e viviamo la vita di Addie passo per passo, che si alterna tra passato e presente, tra artisti e filosofi, guerre e rivoluzioni, paesi e città ma l’unica costante nella vita di Addie è quello di non lasciare mai traccia di se stessa, lei è un fantasma, se si arrabbia e rompe le cose queste dopo tornano alla loro forma originale, se prova a scrivere le lettere spariscono perché Addie vive in una specie di loop durato secoli, finché un giorno in una libreria succede l’impensabile qualcuno si ricorda di lei e piano piano la vita di Addie fatta di perenni inizi prende una sfumatura diversa.

La lettura di questo libro mi ha tenuto compagnia per due giorni, ma non sono riuscita a provare emozioni forti, certo mi è dispiaciuto per la nostra protagonista e per le sue perdite, ma avrei voluto qualcosa in più come un approfondimento del personaggio dell’Oscuro perché anche se sono poche le sue apparizioni a mio parere è un personaggio che ha tanto da raccontare,avrei voluto sapere di più sulle sue origini, su come è diventato l’oscuro e soprattutto sulle emozioni e sui sentimenti che prova per la nostra protagonista Addie. Essendo il primo libro che leggo della Schwab posso dire che sono rimasta un po delusa, ma non sono dispiaciuta anzi credo che continuerò a leggere anche altri libri di questa autrice per avere un parere tutto mio .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...