horror · Mistery romance · Thriller

Recensione: Sulle trecce di Jack lo squartatore

Titolo: Sulle tracce di Jack lo squartatore

Autore: Kerri Maniscalco

CE: Mondadori Oscar

Pagine: 372

Prezzo:

Trama: È stata cresciuta per essere la perfetta dama dell’alta società vittoriana, ma Audrey Rose Wadsworth vede il proprio futuro in modo molto diverso. Dopo aver perso l’amatissima madre, è decisa a comprendere la natura della morte e i suoi meccanismi. Così abbandona l’ago da ricamo per impugnare un bisturi da autopsia, e in segreto inizia a studiare Medicina legale. Presto viene coinvolta nelle indagini sull’assassino seriale noto come Jack lo Squartatore e, con orrore, si rende conto che la ricerca di indizi la porta molto più vicina al suo mondo ovattato di quanto avrebbe mai creduto possibile. Ispirato agli efferati crimini irrisolti che hanno insanguinato la Londra di fine Ottocento, lo strabiliante romanzo d’esordio di Kerri Maniscalco tesse un racconto ricco di atmosfera che intreccia bellezza e oscurità, in cui una ragazza vittoriana molto moderna scopre che non sempre i segreti che vengono sepolti lo rimangono per sempre.

Recensione

Buongiorno Lovers, oggi torno a parlarvi di un libro che ho letto in anteprima in collaborazione con Oscar VAULT, e come sempre ringrazio Oscar per questa splendida opportunità.

Oggi tocca a “Sulle trecce di Jack Lo Squartatore” il primo libro dalla serie di Kerri Maniscalco, dove abbiamo per protagonisti Audrey Rose Wadsworth e Thomas Creswell che uniranno le loro forze per prendere e consegnare alla giustizia il famigerato Jack Lo Squartatore.

Audrey Rose e una ragazza di diciassette anni, che dopo aver perso la madre cinque anni fa si avvicina al mondo della medicina, in particolar caso alla medicina legale dove ha come professore il suo adorato zio che fa il medico legale ma anche il professore alla Harlow School. Audrey Rose e diversa dalle altre ragazze a lei pizzi e merletti le vanno stretti, pensa che una donna dovrebbe pensare con la sua testa e che può realizzare molto di più dalla vita che un matrimonio benestante, Audrey Rose si sente a suo aggio tra cadaveri, riesce a liberare la mente quando prende tra le mani un bisturi per incidere la pelle di un paziente, lei vorrebbe diventare la prima studentessa di medicina legale, ma considerando l’epoca in cui la nostra protagonista vive, una cosa del genere non era vista di buon occhio per una uomo figuriamoci per una donna, se ci mettiamo anche il padre iperprotettivo che vorrebbe tenerla solo in casa al riparlo dal mondo esterno allora per la nostra protagonista sarebbe la fine. Ma Audrey Rose ha un alleato suo fratello anche se non spesso condivide le sue scelte di vita, grazie a lui può portare avanti la sua passione.

Thomas Creswell e un studente di medicina legale, ma anche l’allievo personale del zio di Audrey, con un intelligenza fuori dal comune e molto intuitivo,freddo e distaccato, insieme al zio di Audrey provano a fare il primo trapianto di organi con un paziente vivo. Thomas e anche quel tipo di persona che dice sempre quello che pensa, passando anche per una persona arrogante.

Il primo incontro tra i nostri personaggi non e uno dei migliori, Audrey lo troverà arrogante , pieno di se, saccente e sara molti infastidita da lui, ma con il tempo instaureranno un bel rapporto di amicizia e di lavoro.

La trama si fa più interessante e intrigante quando entra in gioco una serie di omicidi brutali che hanno presso di mira le donne in special modi le prostitute e Audrey insieme a Thomas inizieranno le loro indagini per scoprire il colpevole dietro queste brutalità. Grazie al dono della deduzione di entrambi i nostri protagonisti saranno sempre un po più vicini a scoprire la verità, anche se le vicende si complicheranno quando una disgrazie colpirà la famiglia di Audrey, portando la nostra protagonista a porsi delle domande sui segreti che avvolgono la sua adorata famiglia e indagare sui legami che la sua famiglia ha con alcune vittime di Jack.

“Sulle tracce di Jack Lo Squartatore” e un libro dalle sfumature horror, thriller e mistery con un pizzico di romance, dove non mancheranno le scene macabre e crude, descritte nel minimo dettaglio, come le scene degli omicidi o le autopsie, la sporcizia e il degrado di alcune parti della Londra del fine ottocento. Non mancheranno le botta e risposta dei nostri protagonisti e il corteggiamento di Thomas per la bellissima Audrey, che saprà tenergli testa come nessuno mai prima d’ora.

Una cosa che ho apprezzato di Audrey e il suo lato tenero e femminile, l’amore smisurato che prova per suo fratello e per cui sarebbe stata capace di andare anche contro suo padre per il suo bene , il fatto che anche se lei e moderna e evoluta mentalmente sa anche apprezzare quel suo lato femminile come i trucchi e i bei vestiti, anche se non e una grande sostenitrice dei pettegolezzi e delle parole a vanvera. Mentre di Thomas ho amato quel suo lato deduttivo alla Sherlock Holmes, spesso leggendo le scene dove lui metteva in pratica le sue deduzioni ho avuto l’impressione di trovarmi d’avanti un giovane Holmes, alle presse con la sua prima cotta per una persona che non riesce a inquadrare nell’equazione.

“Sulle tracce di Jack Lo Squartatore ” e un libro che merita letto, con una scrittura fluida e scorrevole che riesce a tenere il lettore incollato alle pagine e con la voglia di scoprire altri dettagli e di immergersi nelle strade di Londra a dare la caccia allo Squartatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...